Seleziona una pagina

Curiosità

Il Giro delle Malghe di Caltrano
4 Giugno 2022
Caltrano è un comune vicentino che si trova ai piedi dell’Altopiano di Asiago e allo sbocco in pianura della Val d’Astico. Sovrastato dai monti Paù, Sunio e Foraoro, il centro abitato, di origine pre-romana, è sorto in corrispondenza del passo dove si incontrano le colline delle Bregonze e l’ Altopiano dei Sette Comuni. Ha ricoperto, […]

Caltrano è un comune vicentino che si trova ai piedi dell’Altopiano di Asiago e allo sbocco in pianura della Val d’Astico. Sovrastato dai monti Paù, Sunio e Foraoro, il centro abitato, di origine pre-romana, è sorto in corrispondenza del passo dove si incontrano le colline delle Bregonze e l’ Altopiano dei Sette Comuni. Ha ricoperto, sin dai tempi più remoti, un importante ruolo di controllo e di custodia delle direttrici viarie da e per la montagna.

Un particolare che rende noto Caltrano è sicuramente la presenza del Giro delle Malghe.
Il Giro delle Malghe di Caltrano è un itinerario medio-facile in considerazione alla sua lunghezza. Esso non presenta particolari difficoltà ed è quasi completamente pianeggiante.

Il percorso è facile da seguire e individuare, perché ben segnalato da apposite frecce, tabelle e cartelloni presenti in vari punti lungo l’itinerario.
È percorribile da tutti, quindi non solo dagli appassionati di camminate ma anche dalle famiglie con bambini, a piedi, in bicicletta, MTB, e-bike e a cavallo.
La lunghezza è di circa 15 chilometri e il tempo di percorrenza è di 6 ore, con la pausa pranzo!
Si tratta di un percorso ad anello, che si snoda tra verdi pascoli e rigogliosi boschi e, per buona parte, gode di una scenografica vista sulla pianura veneta. Nelle giornate terse si riesce a intravedere all’orizzonte persino la Laguna di Venezia.
Lo si può agevolmente imboccare dal rifugio Bar Alpino (https://goo.gl/maps/2kbiLmFcssfyq3iw5), per chi proviene da Cesuna, e dalla strada che sale da Bocchetta Granezza (https://goo.gl/maps/5NN43Qjy4Gsh6vXM6) o Mortisa (https://goo.gl/maps/fd4vYPjWgLKHFXC69) per chi viene rispettivamente da Lusiana e Calvene.
Il periodo migliore per percorrere questo itinerario è sicuramente quello estivo, quando le rispettive malghe, Malga Carriola, Malga Paù, Malga Sunio, Malga Foraoro, Malga Serona e Malga Fondi, sono aperte e quando si vuole scappare dal caldo della pianura.

Nel momento in cui tutte le sei malghe aprono al pubblico, si spalanca un’occasione per assaggiare e acquistare i prodotti tipici del territorio, specialmente quelli caseari. Si può alleggerire l’escursione intraprendendo un “percorso del gusto”!
All’inizio del Novecento nel territorio di Caltrano vi erano ben nove malghe comunali, nelle quali si ospitavano 915 vacche da latte adulte. Ora ne rimangono sei, utilizzate per il ricovero del bestiame, per l’abitazione dei conduttori nel periodo estivo e in parte per la produzione di formaggio e latticini.
In questa stagione si rivela molto rilassante l’itinerario, trascorrere giornate immersi nel verde, tra passeggiate, degustazioni e la compagnia degli animali da pascolo.
Durante il periodo invernale si può intraprendere il Giro delle Malghe in modo differente: ci si può dedicare agli sport invernali e utilizzare attrezzature diverse come le ciaspole o i ramponcini, stando attenti alle condizioni meteo.

Il Giro delle malghe di Caltrano è reso famoso da una marcia che si svolge ogni anno e che richiama centinaia di podisti e appassionati della montagna.

Per i più allenati e per gli amanti dello sport all’aria aperta non manca nemmeno la possibilità di allungarlo e scoprire nuovi luoghi e sentieri raggiungendo, ad esempio, le vicine località di Calvene, Lugo di Vicenza e Lusiana.
Questo itinerario risulta interessante non solo dal punto di vista naturalistico, ma anche da quello storico. Infatti, il Giro delle Malghe, permette di conoscere luoghi che furono un’immediata retrovia durante la Prima Guerra Mondiale, con la presenza in queste zone delle truppe britanniche e francesi corse in aiuto all’esercito italiano nel 1918.
Recentemente si è reso accessibile un piccolo tracciato che parte dalla località Vasche di Sunio e percorre la Strada del Generale, arrivando ai resti di un acquartieramento delle truppe della Grande Guerra di cui restano testimonianze notevoli. Ci si può immedesimare nelle truppe militari che dovettero combattere, non solo contro l’esercito nemico, ma anche contro un ambiente non sempre favorevole, soprattutto durante le rigide stagioni invernali.
Nelle zone del Monte Carriola, Monte Foraoro e Monte Paù sorsero diverse postazioni con funzione sia di arresto che di supporto logistico, con zone antiaeree e trincee; nelle aree di Fondi, Serona, Foraoro davanti e Sunio trovarono posto cospicue opere infrastrutturali come strade, piazzole, stazioni funiviarie.

Dunque, intraprendendo il Giro delle Malghe, attraversando prati e boschi, è possibile fare un vero e proprio tuffo nel passato.

A Caltrano è presente la suggestiva strada che conduce tutt’ora all’Altopiano di Asiago, che ricorda il ruolo assunto dal paese, quale crocevia per i collegamenti con la montagna. Attraversato quotidianamente da bikers e visitatori, permette di ammirare uno splendido panorama.

Clicca qui per guardare il video in collaborazione con il Veneto Imbruttito!

Inquadra il QR Code con il tuo dispositivo mobile e scarica la mappa!
      

Altre Curiosità

Aperti a Ferragosto a Lusiana Conco

Aperti a Ferragosto a Lusiana Conco

Scopri tutti gli eventi e le iniziative nel territorio di Lusiana Conco per il giorno di Ferragosto! Anche il Comune di Lusiana Conco aderisce con entusiasmo all'iniziativa Aperti a Ferragosto ed apre le porte dei suoi siti di interesse turistico ai visitatori. Scopri...

leggi tutto
Escursione: Tra le Malghe al Tramonto

Escursione: Tra le Malghe al Tramonto

Torna Tra le Malghe al Tramonto con un secondo appuntamento! Venerdì 12 Agosto si terrà il secondo appuntamento di Tra le Malghe al Tramonto, un evento organizzato dall'Associazione OGD Pedemontana Veneta e Colli in collaborazione con Chiara Bertacco - Guida...

leggi tutto