Curiosità

OGD Pedemontana Veneta e Colli a Linea Verde Discovery
1 Giugno 2023
L’Associazione OGD Pedemontana Veneta e Colli ospite a Linea Verde Discovery Puntata “L’oro Bianco di Montagna tra le Bregonze e la Valle dell’Astico” L’Associazione OGD Pedemontana Veneta e Colli sarà ospite all’interno del programma Linea Verde Discovery. In onda Sabato 3 Giugno alle ore 12:00 su RAI 1. La puntata è a cura della Famiglia […]

L’Associazione OGD Pedemontana Veneta e Colli ospite a Linea Verde Discovery

Puntata “L’oro Bianco di Montagna tra le Bregonze e la Valle dell’Astico”

L’Associazione OGD Pedemontana Veneta e Colli sarà ospite all’interno del programma Linea Verde Discovery. In onda Sabato 3 Giugno alle ore 12:00 su RAI 1.

La puntata è a cura della Famiglia Brazzale, proprietaria dell’Azienda Casearia Brazzale spa.

La troupe di Rai 1 racconterà questo territorio incantevole in occasione dei 125 anni dei nostri antenati dal Monte di Calvene verso Zanè, nel 1898.
Il filo conduttore della puntata sarà il burro, ma si esploreranno anche luoghi e storie grazie alle splendide riprese di Gabriele Tringali, incontrando artisti, viticoltori, castellane, allevatori e casari.
Si parlerà della grande tradizione dell’“oro bianco”, latte e burro, e la sua importanza nella vita della popolazione locale di un tempo ed attuale, in un viaggio che sorprenderà per la sua profondità e poesia, rivelando tesori nascosti.

Troupe Linea Verde Discovery

Troupe Linea Verde Discovery

Linea Verde Discovery

Linea Verde Discovery

Le Colline delle Bregonze

Le Colline delle Bregonze (408 metri s.l.m. max) sono un gruppo di rilievi collinari situati nella Pedemontana Vicentina, a nord della Provincia di Vicenza e ai piedi dell’Altopiano dei Sette Comuni. Comprendono i comuni di Carrè, Chiuppano, Calvene, Zugliano e Lugo di Vicenza.

A differenza dei rilievi calcarei/carsici che ritroviamo in Altopiano, le Colline delle Bregonze presentano una conformazione vulcanica in continuità con i colli della Breganze Doc, Marostica e fino a Bassano del Grappa.

La posizione geografica è strategica, fra l’Altopiano dei Sette Comuni e la pianura vicentina e le correnti di venti provenienti dalla Valle dell’Astico. Per questo le Colline delle Bregonze rappresentano fin dai tempi più lontani un serbatoio verde per i pascoli, l’attività agricola e la pastorizia. Meta di transito di greggi di ovini e bovini che pascolano in questo territorio durante tutto il corso dell’anno.

Immagini dalle riprese della puntata di Linea Verde Discovery

Immagini dalle riprese della puntata di Linea Verde Discovery

L’allevamento del bestiame da latte è stato tradizionalmente la principale attività agricola. Ogni famiglia possedeva tre-quattro capi che mandava in montagna sull’altopiano dei Sette Comuni durante l’estate in modo da risparmiare il fieno per l’inverno.

Le Colline delle Bregonze presentano delle alberature autoctone come ad esempio la roverella, il carpineto e il castagno ed accolgono aree di bosco selvatico. Qui nel tempo si sono praticate la caccia e la raccolta di frutti. Grazie all’esposizione al sole e alla ventilazione, oggi giorno sono tornate coltivazioni come la vite, l’olivo e la fienagione.

Cosa visitare nelle Colline delle Bregonze

Le Colline delle Bregonze, ubicate fra il fiume Astico ed il torrente Igna, sono una zona di risorgive e rappresentano una risorsa idrica importante per il territorio. L’alternarsi di rivi d’acqua e piccole valli rendono il paesaggio suggestivo, un luogo ricreativo e naturalistico apprezzato dalle popolazioni locali e dai visitatori con l’ampia offerta di itinerari bike ed escursionistici come i Percorsi tra Astico e Igna, il Sentiero Anthracotherium e ancora il Museo Naturalistico delle Bregonze e il Museo dei Fossili “Pierluigi Malinverni”.

Immagini dalla puntata di Linea Verde Discovery

Immagini dalla puntata di Linea Verde Discovery

Gli altri luoghi nella puntata di Linea Verde Discovery

Altri luoghi di interesse sono rappresentati dai casoni e dai roccoli, dalle ville come Villa Capra Filippi, Villa Giusti Suman e le Ville Palladiane, le chiesette e i luoghi della fede (talvolta di apparizioni mariane) come la Chiesa di S. Biagio, la Chiesa Beata Vergine della Neve (o della Fratta), l’Oratorio della Madonnetta, la Chiesa di S. Lucia e le contrade come Marola e la Rua. Marola ebbe origine nel Cinquecento quando il condottiero Gerolamo Marola si insediò dopo essere sfuggito alla rappresaglia per aver incendiato i castelli di Giulietta e Romeo a Montecchio Maggiore.
Da non dimenticare l’eremo Camaldolese di Rua nelle Bregonze, soppresso in età napoleonica, la presenza dei monaci benedettini a San Biagio e i luoghi di archeologia industriale.

L’agricoltura, l’allevamento, i vigneti e gli uliveti traggono beneficio dalla dolce brezza che soffia su quei dolci rilievi collinari. Questo offre un clima temperato durante l’inverno e fresco durante l’estate. Questa piacevole brezza era ben conosciuta anche dai monaci benedettini che, sulle colline di Rua, costruirono il loro monastero omonimo e, sul lato meridionale, una bellissima chiesa chiamata San Biagio, abbellita da preziosi affreschi risalenti al XIII secolo.

Immagini dalla puntata di Linea Verde Discovery

Immagini dalla puntata di Linea Verde Discovery

 

Splendide dimore signorili, antiche cascine in pietra basaltica, muretti a secco, musei all’aperto, innumerevoli corsi d’acqua sorgiva che sgorgano ovunque. Maestose querce e castagni secolari, sentieri e strade agevoli. Tutto ciò rende questa oasi verde, nelle immediate vicinanze di Thiene, la fiorente capitale veneta del burro e dei formaggi. Un patrimonio inestimabile di bellezze naturali e di memorie storiche.

Foto a cura della Famiglia Brazzale.

 

Altre Curiosità

Villa Fabris

Villa Fabris

Villa Fabris, situata nel cuore di Thiene, rappresenta uno degli esempi più significativi di architettura neoclassica nel territorio vicentino, di matrice illuministica. Questo stile architettonico fu ampiamente divulgato nel territorio tra la seconda metà del...

leggi tutto
Itinerario da Carrè alla Fratta per il Castello

Itinerario da Carrè alla Fratta per il Castello

L'itinerario da Carrè alla Fratta si snoda nel settore più occidentale delle Bregonze, a monte del paese di Carrè. Si propone come un percorso ad anello intorno al colle della Fratta, deviando sul "Sentiero Natura del Castello di Carrè" e ritorna a Carrè per Ponte dei...

leggi tutto
Aspettando il Ritorno dal Bosco

Aspettando il Ritorno dal Bosco

Si è tenuta in data venerdì 15 settembre 2023 a Valdastico la manifestazione ‘Aspettando Il Ritorno dal Bosco’ con la presentazione ufficiale dell’evento Il Ritorno dal Bosco che torna a Valdastico dopo tanto tempo, il prossimo 14 e 15 ottobre 2023. Durante la...

leggi tutto
0
IL TUO CARRELLO
  • No products in the cart.