Curiosità

Sentiero di Scandolara
2 Settembre 2023
Il Sentiero di Scandolara si colloca sulla destra orografica della Val Leogra a sud di Pievebelvicino e comprende i monti Raga, Scandolara, Varolo, Trisa, Naro e Castello. È un percorso abbastanza impegnativo per la sua durata e si consiglia di affrontarlo in estate, in quanto la sua posizione è in tramontana e quindi poco soleggiata nel periodo invernale.   SENTIERO DI […]

Il Sentiero di Scandolara si colloca sulla destra orografica della Val Leogra a sud di Pievebelvicino e comprende i monti RagaScandolaraVaroloTrisaNaro Castello.
È un percorso abbastanza impegnativo per la sua durata e si consiglia di affrontarlo in estate, in quanto la sua posizione è in tramontana e quindi poco soleggiata nel periodo invernale.

Mappa Sentiero della Scandolara.

 

SENTIERO DI SCANDOLARA: ILLUSTRAZIONE DEL PERCORSO

Partenza: Pievebelvicino
Durata: 4.15 ore circa
Distanza: 14 km
Dislivello: 475 m

La partenza è dal parcheggio del piazzale della Chiesa Nuova di Santa Maria. Questa fu un grosso punto di riferimento per gli abitanti della zona nei primi secoli dopo il Mille, in quanto all’epoca rappresentava l’unica Pieve dell’intera Val Leogra. L’edificio ha una storia millenaria e varie ristrutturazioni alle sue spalle. Il suo aspetto attuale è opera del lavoro di restauro del 1868, che fu poi rimaneggiato dal 1989 dopo un periodo di degrado e abbandono.

Chiesa Nuova di S. Maria.

 

Dal parcheggio della Chiesa si percorre, verso sud, via San Giovanni Bosco fino a imboccare la strada a sinistra al primo incrocio. 30 m più avanti svoltate a destra per via Livergon. Si costeggia il Torrente Livergon, che scorre sulla destra, e si inizia a salire leggermente. Dopo due tornanti si arriva a Contrada Bortolosi, ora completamente diroccata.

Proseguendo per altri 100 m, si gira a sinistra e si continua sul sentiero nel bosco, fino a sbucare su un terreno coltivato nei pressi di Contrada Piani Bortolosi. Si gira intorno all’abitazione continuando diritti in salita per un breve tratto di sterrato largo, si gira poi a sinistra continuando in piano. Si arriva in Località Raga Alta nel territorio di Schio e si prosegue in salita sulla strada cementata costeggiando il Ristorante All’Antenna fino a giungere, dopo Casa Bressan, a un tornante che gira a destra.

 

In direzione Ristorante all’Antenna.

 

Anziché svoltare per la strada, si prosegue diritti imboccando un sentiero che entra nel bosco, incrociando in discesa la strada asfaltata che sale da Magrè in prossimità di una grande croce lignea.
Continuando in salita sulla strada asfaltata in direzione ovest si raggiunge il Monumento a Pietro Barbieri. Si imbocca più avanti il percorso segnalato come S4 e si arriva in Contrada Tringole.

 

ARRIVO E RITORNO

Arrivati a questo punto – mancano 10 km all’arrivo. Si prende sulla sinistra della contrada il sentiero che sale in direzione di una caratteristica grande croce d’acciaio. Al bivio successivo si gira a sinistra uscendo dal bosco in un’ampia zona prativa raggiungendo Contrada Casa del Pastore. Si incrocia quindi la Strada di Scandolara che, partendo dal Passo Zovo attraverso il Passo del Colombo, arriva al Rifugio Civillina.
Qui prendiamo a destra l’ampio sterrato pianeggiante camminando piacevolmente per circa 2 km.

Lungo il Sentiero di Scandolara.

 

Arrivati all’altezza di un cartello stradale regionale di divieto di transito per i mezzi motorizzati, si prende a destra la strada sterrata, caratterizzata da numerosi tornanti, che scende a valle, giungendo ad una casa isolata in prossimità di una curva a gomito.

Si prosegue in discesa per 2 km fino ad incrociare la strada sterrata larga che scende da Contrada Carollo in Val dei Mercanti, un tempo nota per l’estrazione di minerali. In prossimità  delle cave di caolino si trova il capitello votivo eretto in ringraziamento per lo scampato pericolo a causa della frana del Monte Varolo (1901), arrivata fino a qui. Tenendo sulla destra del capitello si arriva in breve all’Agriturismo Val Mercanti, dove si può sostare.

Si scende ancora per la strada asfaltata fino all’inizio di Contrada Tenaglia dove, dopo un alto muro che delimita una proprietà, parte sulla destra un sentiero tra bosco e prato che porta alla strada sterrata del Monte Castello. Il Monte prende il nome dalla fortificazione eretta nel Decimo secolo a scopo di difesa del territorio dalle razzie degli Ungari. Ancora oggi si possono osservare le rovine a pianta rettangolare dell’antica costruzione che, si dice, fosse collegata con un cunicolo sotterraneo alla sottostante Chiesa Matrice di Santa Maria di Pievebelvicino.

Lungo il Sentiero di Scandolara. Foto del blog Escursioni nella Pedemontana Vicentina.

 

Si sale per un breve tratto verso la cima e poi si scende in direzione est verso Pievebelvicino. Giunti in via Borgofuro si scende verso Piazza Santa Maria e si arriva al punto di partenza.

 

Foto e contenuti: http://www.prolocotorrebelvicino.it/

Altre Curiosità

Villa Fabris

Villa Fabris

Villa Fabris, situata nel cuore di Thiene, rappresenta uno degli esempi più significativi di architettura neoclassica nel territorio vicentino, di matrice illuministica. Questo stile architettonico fu ampiamente divulgato nel territorio tra la seconda metà del...

leggi tutto
Itinerario da Carrè alla Fratta per il Castello

Itinerario da Carrè alla Fratta per il Castello

L'itinerario da Carrè alla Fratta si snoda nel settore più occidentale delle Bregonze, a monte del paese di Carrè. Si propone come un percorso ad anello intorno al colle della Fratta, deviando sul "Sentiero Natura del Castello di Carrè" e ritorna a Carrè per Ponte dei...

leggi tutto
Aspettando il Ritorno dal Bosco

Aspettando il Ritorno dal Bosco

Si è tenuta in data venerdì 15 settembre 2023 a Valdastico la manifestazione ‘Aspettando Il Ritorno dal Bosco’ con la presentazione ufficiale dell’evento Il Ritorno dal Bosco che torna a Valdastico dopo tanto tempo, il prossimo 14 e 15 ottobre 2023. Durante la...

leggi tutto
0
IL TUO CARRELLO
  • No products in the cart.