Curiosità

Montecchio Precalcino fra Storia e Cultura
5 Settembre 2023
Montecchio Precalcino, dal latino Monticulus (piccolo colle), Praedium (fondo, podere) e Calx-Calcis (calce), si trova a 15 km a nord di Vicenza, nella Pedemontana Veneta. Ciò che rende inconfondibile il paese è il fatto che al centro del suo territorio sorge una collinetta, comunemente chiamata “el Monte del Montècio” ricca di sentieri e scorci panoramici. […]

Montecchio Precalcino, dal latino Monticulus (piccolo colle), Praedium (fondo, podere) e Calx-Calcis (calce), si trova a 15 km a nord di Vicenza, nella Pedemontana Veneta.

Ciò che rende inconfondibile il paese è il fatto che al centro del suo territorio sorge una collinetta, comunemente chiamata “el Monte del Montècio” ricca di sentieri e scorci panoramici. Altro componente del paese è il Torrente Astico per secoli importante fonte di lavoro per i Montecchiesi che raccoglievano i sassi per fare la calce e per altri utilizzi legati all’edilizia. Molte le testimonianze antiche presenti: dal Neolitico all’Età del Bronzo e del Ferro, dall’Impero Romano alla Serenissima Repubblica di Venezia.

Numerose sono anche le ville, i palazzi e le chiese che si trovano nel territorio. Importanti le tradizioni enogastronomiche prima fra tutte il piatto tipico della “Quaja con poènta onta“, ovvero la Quaglia con la polenta fritta allo spiedo che, accompagnato dall’ottimo vino prodotto in paese (Montecchio Precalcino rientra nell’area della zona dei Vini DOC di Breganze) è autentica prelibatezza.

MONTECCHIO PRECALCINO: LE VILLE VENETE

VILLA DA SCHIO – CITA

La villa è costituita da diversi edifici risalenti al Seicento e al Settecento, in parte eret­ti su preesistenze gotiche. La Villa si colloca sul “monte” di Montecchio Precalcino ed il complesso vede una villa (seconda metà del XVII sec), una barchessa (seconda metà del XVIII), un rustico (1753) e una cappella (1762). Annesso alla villa c’è anche un bel parco.
A lungo la si attribuì al progetto di Andrea Palladio, ma è in realtà una ristrutturazione di un preesistente edificio ad opera di Pietro da Nanto che vi lavorò a partire dal 1552.
Fu donata al Comune di Montecchio Precalcino nel 1978 dalla Signora Marianna Cita Cabianca. Posta in splendida posizione sul lato orientale della collina ospita diverse associazioni ed è sede di numerose manifestazioni ricreative e culturali.

Villa Da Schio.

 

NIEVO BONIN LONGARE

Ora proprietà dell’Ulss 4 Alto Vicentino, l’attuale aspetto di Villa Nievo Bonin Longare risale al 1880 per opera dell’Architetto milanese Michele Cairati. Cairati rimaneggiò i preesistenti edifici seicenteschi in stile neo-gotico. I Nievo, feudatari di Montecchio Precalcino dal 1333 e proprietari di una parte cospicua del territorio comunale, possedevano l’abitazione che via via modificarono e ristrutturarono fino a giungere all’attuale edificio neogotico eretto negli anni 1880-1882.

Villa Nievo Bonin.

FORNI CERATO

Villa Forni Cerato fu costruita attorno al 1568 rielaborando un edificio preesistente. Fu commissionata da Girolamo Forni, un ricco commerciante di legnami ma senza titolo nobile, caso più unico che raro per le ville palladiane. Forni era in rapporti d’affari con Andrea Palladio come fornitore di legname, e questo è uno dei motivi che spingono la maggior parte dei critici ad attribuire il progetto di questa villa allo stesso Palladio.
È probabile che l’asciutto minimalismo dell’edificio rispecchiasse lo status sociale borghese del proprietario. L’edificio è inserito dal 1996 nella lista dei patrimoni dell’umanità di UNESCO.

Villa Forni Cerato.

 

MONTECCHIO PRECALCINO: IL CIMITERO BRITANNICO

Il Cimitero Britannico fu eretto dopo la fine della Prima Guerra Mondiale ed ospita le salme dei soldati d’oltre Manica. Storica la visita di Re Giorgio V d’Inghilterra accompagnato dalla consorte, la Regina Maria, il 13 Maggio 1923, e la visita del Principe Carlo d’Inghilterra, nel 2018. Il Cimitero Britannico è una tappa protagonista della Strada dei Reali d’Inghilterra, il percorso che si sviluppa sulle tracce dell’Esercito Britannico che hanno combattuto nel teatro vicentino della Prima Guerra Mondiale. Porta alla visita dei campi di battaglia e delle retrovie, dei cimiteri di guerra inglese, degli ospedali allestiti presso i Municipi, delle ville dove i reali hanno soggiornato e al museo “La Villa del Principe” a Villa Godi Malinverni, a Lugo di Vicenza. Attraversa boschi di memoria dove permangono appostamenti, trincee, teleferiche, acquedotti, aeroporti di appoggio.

Cimitero Britannico.

Montecchio Precalcino.

Cimitero Britannico.

MONTECCHIO PRECALCINO: LA CONFRATERNITA DELLA QUAGLIA DI LEVA’

 

La “Quaja al speo e poènta onta“, quaglia allo spiedo e polenta fritta, è il piatto tradizionale locale. C’è una lunga storia, al limite della leggenda, sulla cacciagione e sulla gastronomia di questo ottimo volatile. Nelle frazioni di Preara, a ferragosto e di Levà, a metà settembre, in occasione delle feste popolari, la Quaglia è la regina del menù.

 

 

ALTRE ATTRAZIONI TURISTICHE

LA FORNACE: dove venivano cotti i sassi raccolti nel vicino torrente Astico per la produzione della calce.

MURAZZO VENEZIANO: costruito dalla Serenissima Repubblica di Venezia tra 1507 e il 1532 con l’intento, come per il Murazzo Romani posto più a nord, di contenere le pericolose piene del Torrente Astico.

CISTERNA ROMANA

TORRE DEL ROCOLO DELLA “BASTIETA”.

Montecchio Precalcino.

MONTECCHIO PRECALCINO: LE CHIESE

San Pietro: Documentata a partire dal XIII secolo, si impone per l’interesse espresso dell’abside poligonale di tipo ravennate e per il vasto ciclo di affreschi che ne decora le pareti interne.

Chiesa del S.S. Redentore: La chiesa presenta uno stile gotico ogivale a croce latina. Di notevole interesse, due altari marmorei del secondo Seicento e una campana del 1691 attribuita ai noti fonditori De Maria.

Chiesa S.S. Vito, Modesto e Crescienzia: venne eretta a partire dal 1729 su di un precedente edificio cinquecentesco che ne surrogava uno medioevale. La bella facciata è adornata da sei sculture di Giuseppe Sordina (1731). L’interno luminoso ed armonico si impreziosisce di cin­que altari marmorei sei-settecenteschi con un ciclo di tele e di affreschi di Costantino Pasqualotto (1732 – 1742). Si trovano anche una pala di Alessandro Maganza (1606) e di tre pregevoli sculture attribuite a Girolamo Pittoni da Lumignano (1535 ca.).
Nella piazzetta antistante spicca il bel monumento ai Caduti di Ugo Pozza (1926) e in quella del municipio l’artistica fontana di Pompeo Pianezzola (1992).

Cappella della Madonna del Torniero

Montecchio Precalcino.

Cappella.

 

Come raggiungere Montecchio Precalcino:

Altre Curiosità

Apertura InfoPoint di Arsiero

Apertura InfoPoint di Arsiero

L'InfoPoint di Arsiero è un punto di riferimento per il turista e per la promozione del territorio dell'Alto Astico e della Val Posina, a cura del Consorzio Pro Loco Alto Astico e Posina. Situato ad Arsiero in Piazza Francesco Rossi, 8, nell'ala ovest del Palazzo del...

leggi tutto
Anelli delle Anguane

Anelli delle Anguane

Gli Anelli delle Anguane costituiscono una rete di sentieri escursionistici e di vie Ferrate situata a San Pietro Valdastico, nell’Alta Valle dell’Astico. Questa località è dominata da una grande parete strapiombante chiamata Sojo di Mezzogiorno, proprio perché...

leggi tutto
Itinerari a Sarcedo tra colli e ville

Itinerari a Sarcedo tra colli e ville

Tra i comuni soci dell'OGD Pedemontana Veneta e colli scopriamo gli itinerari di Sarcedo, un piccolo comune immerso tra colli, bellezze paesaggistiche e culturali. Vediamo insieme i vari percorsi. Il comune di Sarcedo Il nome Sarcedo deriva probabilmente dal latino...

leggi tutto
0
IL TUO CARRELLO
  • No products in the cart.