Curiosità

Itinerario da Carrè alla Fratta per il Castello
19 Settembre 2023
L’itinerario da Carrè alla Fratta si snoda nel settore più occidentale delle Bregonze, a monte del paese di Carrè. Si propone come un percorso ad anello intorno al colle della Fratta, deviando sul “Sentiero Natura del Castello di Carrè” e ritorna a Carrè per Ponte dei Tavàni. Nel complesso l’itinerario è di facile percorrenza, con […]

L’itinerario da Carrè alla Fratta si snoda nel settore più occidentale delle Bregonze, a monte del paese di Carrè. Si propone come un percorso ad anello intorno al colle della Fratta, deviando sul “Sentiero Natura del Castello di Carrè” e ritorna a Carrè per Ponte dei Tavàni.

Nel complesso l’itinerario è di facile percorrenza, con ultimo tratto su strada. Si consiglia di percorrerlo in autunno o con la fioritura primaverile. Da evitarsi in piena estate.

Mappa itinerario da Carrè a Contrà Fratta.

 

Descrizione dell’itinerario e tappe

Dislivello: 160 m
Durata: 1.15 (2 ore includendo il “Sentiero Natura del Castello”)

Partendo dalla piazza Centrale di Carrè, si risale per uno o due minuti la via principale del paese, fino a raggiungere la Piazza degli Alpini. Da qui parte, verso monte, Via Castello che prende a risalire il versante occidentale dell’omonima altura.

Itinerario da Carrè alla Fratta: Territorio di Carrè.

 

Si lascia l’asfalto e le case per immettersi in un sentiero erboso e ben segnalato da muretti e siepi che si alza svelto sul paese. A sinistra domina la scena il cono nel Summano con il centro di Piovene ai piedi. Sotto boscaglia di robinie si giunge in località Prà de Talpa, dove sbocca un altro raccordo che sale dal pese sottostante. Ci si porta a nord del Castello e si raggiunge l’asfalto della strada Carrè-Fratta-Ca’ Vecia. Il Castello, che richiama nel nome un’antica fortificazione medievale successivamente mantenuta e consolidata dai Capra, ospita oggi un’ex casa colonica ristrutturata.

Visuale dell’attuale Castello.
Foto di: Comune di Carrè.

 

Sul tornante della strada è sita un’esauriente bacheca con indicazioni sul Sentiero Natura del Castello. S percorre poi, lungo una siepe su prato, l’inizio di tale sentiero fino ad incontrare la strada bianca del Grumo Basso. Si ridiscende all’asfalto per imboccare poco dopo, a destra, il raccordo che monta sul colle della Fratta. 

A nord si possono ammirare i pendii che scendono dalla sommità del Grumo Alto (la maggiore elevazione di questo settore): si nota la piccola casòta del Roccolo dei Vaccari e, più a sinistra, i prati dei Crosàti; ma soprattutto incombe compatto sopra le colline il versante sud dei Sette Comuni con i risalti del Cengio, Paù, Foraòro e Monte Corno. 

Itinerario da Carrè alla Fratta: capitello dei Crosati.

 

Arrivo a Contrà Fratta e ritorno a Carrè

Si arriva quindi al piazzale del santuario della Fratta, dedicato alla Madonna delle Neve. Si ridiscende alla strada principale e la si segue a destra, sotto una schiera di betulle. Si giunge in 3 min alla deviazione per contrada Tavàni. Essa scende in breve il ponte dei Vaccari o dei Tassi, dopo il quale si scende sulla sede della vecchia strada militare della Grande Guerra, che conserva ancora il sodo acciottolato originario.
Con due tornanti ombreggiati da acacie si cala all’asfalto del Ponte dei Tavàni, sito sulla strada Carrè – Tavàni. Anche il ponte è opera della Grande Guerra.

Ponte dei Tavàni.
Fonte: Comune di Carrè.

 

Poco oltre si lascia a sinistra la continuazione della strada militare che scende a Centrale e si sorpassa pure il rustico lavanderio dove le donne dei Tavàni e delle circostanti case contadine venivano a lavare i panni. In lieve salita si intaglia il versante sud del colle della Fratta che, a valle, scende brado verso il solco dell’Igna.

Raggiunta la mite sella di q. 269 e lasciata la strada di Prà Gomberto che porta verso le alture dell’Albanigo, per il Castelletto si scende gradatamente verso Carrè. Domina l’orizzonte davanti a noi il cono del Summano, alla sua sinistra, si leva il massiccio del Carega.

Si abbandonano gli ultimi scampoli prativi e si entra fra le case del paese. Appare a destra, con la sua colombara e con la rustica barchessa, Villa Capra. Intanto si sbocca in Via Apolloni che, presa a destra, porta all’entrata della villa. Questa dimora quattrocentesca era la casa dei conti Capra che avevano a Carrè vari possedimenti terrieri.

Villa Capra.

 

Villa Capra.

 

Via Apolloni sbuca in breve sulla piazza della Parrocchiale, dove il cerchio si chiude.

Come raggiungere Carrè:

 

Contenuti del volume: Camminare nelle Bregonze – Itinerari scelti di Liverio Carollo.

Altre Curiosità

Breganze nella Pedemontana Veneta

Breganze nella Pedemontana Veneta

Breganze, luogo di storia, tradizioni ed artigianato, si è sempre presentata come un punto geograficamente strategico della Pedemontana Veneta, all’incrocio tra due corsi d’acqua, il Chiavone Bianco e Nero. Cittadina unica per le tradizioni enogastronomiche, ma anche...

leggi tutto
Le antiche Birrerie di Piovene Rocchette

Le antiche Birrerie di Piovene Rocchette

Tra le colline dell'Alto Vicentino sorge Piovene Rocchette, un piccolo comune che custodisce gelosamente un tesoro antico: la sua tradizione birraria risalente al Medioevo. L'abbondanza di sorgenti d'acqua pura, elemento chiave per la produzione di birra, rese questo...

leggi tutto
Valli del Pasubio: un territorio da scoprire

Valli del Pasubio: un territorio da scoprire

Situato a nord-ovest della provincia di Vicenza, al confine con la provincia autonoma di Trento, il paese di Valli del Pasubio appartiene al territorio dell’Alta Val Leogra, ed è cinto dal gruppo montuoso del Sengio Alto e del Monte Pasubio, montagna sacra all’Italia....

leggi tutto
0
IL TUO CARRELLO
  • No products in the cart.