Curiosità

Sentiero del “Lanzin”
22 Aprile 2024
Il sentiero del “Lanzin”, come viene denominato il percorso del Lancino, è un suggestivo sentiero montano che si snoda tra i territori di Pedemonte, Lavarone e Lastebasse. Il percorso non solo offre ai visitatori la possibilità di immergersi nella natura incontaminata, ma anche di riscoprire antichi percorsi carichi di significato storico e spirituale. Il nome […]

Il sentiero del “Lanzin”, come viene denominato il percorso del Lancino, è un suggestivo sentiero montano che si snoda tra i territori di Pedemonte, Lavarone e Lastebasse. Il percorso non solo offre ai visitatori la possibilità di immergersi nella natura incontaminata, ma anche di riscoprire antichi percorsi carichi di significato storico e spirituale.

Il nome stesso del sentiero, Lancino (Lanzin per quelli del posto), richiama il nome del gancio utilizzato per fissare la stanga per il controllo daziale o per facilitare un passaggio difficile del percorso. Si ritiene, inoltre, che questo cammino abbia avuto una rilevanza sin dall’epoca dell’Impero Romano, fungendo da importante via di comunicazione Nord-Sud.

Il Sentiero del “Lanzin”.

 

Il sentiero è di importante rilevanza storico-religiosa. Si incorpora, infatti, nel Cammino delle Apparizioni, viaggio di pellegrinaggio da Vicenza e Padova e permetteva di raggiungere abbastanza agevolmente la Romea, la via percorsa dai pellegrini che andavano a Roma. Proprio in vista del passaggio dei pellegrini era stato pensato e costruito l’ospizio di Brancafora.

Lungo il sentiero del “Lanzin”.

 

Sentiero del “Lanzin”: il percorso

Il Sentiero del Lanzin inizia dal parcheggio di Contrada Carotte a Pedemonte, da cui si prosegue verso nord imboccando la strada bianca che conduce al suggestivo “ponte del Tonek“. Dopo qualche centinaio di metri, inizia il sentiero 595, denominato “Antica via dell’Ancino (di qua)“, che diventa il sentiero 295 in territorio Trentino.

Il sentiero si snoda all’interno un bosco di maestosi ed imponenti faggi, regalando panorami mozzafiato sulla valle sottostante. Durante il cammino, gli escursionisti hanno l’opportunità di imbattersi in numerose testimonianze dell’antica edilizia rurale, come il “Baito dei Sordi“, la “calcara” utilizzata in passato per trasformare le rocce calcaree in calce per opere di muratura, ed il Baito dei Munari.

La Calcara.

Baito dei Munari.

 

Dopo circa 500m di salita (più o meno 90 minuti) si raggiunge il caratteristico abitato di Piccoli, identificato dalla chiesa costruita su una roccia.

Contrada Piccoli.

Chiesa di Contrada Piccoli.

 

Il Covelo di Rio Malo

Superato Piccoli e proseguendo verso contrada Dazio ci si imbatte nel “Covelo di Rio Malo”, un anfratto di roccia carsica profondo circa 30 metri, raggiungibile grazie ad una robusta scala metallica. Il Còvelo si contraddistingue per il suo utilizzo come postazione di esazione del dazio vescovile sin dal 1027. Data la posizione, controllava facilmente l’antica stradache proveniva dall’alta Val Sugana attraverso la valle del Centa (l’Ancino di là) e che scendeva nella sottostante Val d’Astico (l’Ancino di qua). Il Còvelo fungeva quindi come una sorta di grotta fortezza, presidiata da un drappello di soldati.
Nel 1276 passò alla famiglia dei Belenzani. Durante la guerra combattuta dalla Lega di Cambrai contro Venezia (1508) fu occupato dalle truppe veneziane. Al termine del conflitto, tornò sotto il dominio austriaco, perse d’importanza e rimase in stato di abbandono.

Il “Covelo di Rio Malo”.

 

Sentiero del “Lanzin”: Arrivo a Lastebasse

Una volta raggiunta la strada che porta a contrada Dazio si ridiscende in valle seguendo il sentiero 221 fino a Busatti, caratteristica storica contrada nel comune di Lastebasse. Da qui, costeggiando la strada statale SP350, si raggiunge il sentiero che conduce alla chiesa di Lastebasse.

Scorcio su Busatti.

Dalla piazza di Lastebasse si ritorna lungo il percorso del ponte del Tonek e dell’antica strada Austriaca, tornando in contrada Carotte.

Lastebasse.

Lungo il Sentiero del “Lanzin”.

 

Contenuti e foto a cura di: Associazione le Contrade.

Come raggiungere Pedemonte:

Altre Curiosità

Il Giro delle Malghe a Caltrano

Il Giro delle Malghe a Caltrano

Il Giro delle Malghe è un percorso che si snoda nel lembo sud-occidentale dell’Altopiano di Asiago e passa in prossimità delle strutture malghesi presenti nel territorio del Comune di Caltrano, situate sul lato dell’altopiano che guarda verso la Val d’Astico e la...

leggi tutto
I vini D.O.C. Breganze

I vini D.O.C. Breganze

La storia dei vini D.O.C. Breganze è intrisa di tradizione e passione per la viticoltura. Sin dal lontano 1969, la Pedemontana Veneta è stata riconosciuta come una terra viticola di eccezionale valore, ottenendo la prestigiosa Denominazione di Origine Controllata...

leggi tutto
Giornata Nazionale delle Dimore Storiche Italiane

Giornata Nazionale delle Dimore Storiche Italiane

In occasione della XIV edizione della Giornata Nazionale delle Dimore Storiche Italiane che si terrà Domenica 26 maggio 2024, quattro dimore thienesi saranno pronte ad accogliere i visitatori e le visitatrici e a svelare la loro ricchezza e i loro segreti: accanto...

leggi tutto
0
IL TUO CARRELLO
  • No products in the cart.