Curiosità

I vini D.O.C. Breganze
20 Maggio 2024
La storia dei vini D.O.C. Breganze è intrisa di tradizione e passione per la viticoltura. Sin dal lontano 1969, la Pedemontana Veneta è stata riconosciuta come una terra viticola di eccezionale valore, ottenendo la prestigiosa Denominazione di Origine Controllata Breganze, la prima nel vicentino. Questa antica tradizione vitivinicola ha radici profonde che si estendono attraverso […]

La storia dei vini D.O.C. Breganze è intrisa di tradizione e passione per la viticoltura. Sin dal lontano 1969, la Pedemontana Veneta è stata riconosciuta come una terra viticola di eccezionale valore, ottenendo la prestigiosa Denominazione di Origine Controllata Breganze, la prima nel vicentino. Questa antica tradizione vitivinicola ha radici profonde che si estendono attraverso le colline e la pianura, abbracciando le vallate dei fiumi Astico e Brenta. In questa regione, Breganze assume un ruolo centrale, mentre Thiene ad ovest e Bassano del Grappa ad est completano il quadro vinicolo.

 

Il Consorzio Tutela Vini D.O.C. Breganze

I vini D.O.C. Breganze sono una testimonianza della dedizione dei produttori locali e del loro impegno costante nel preservare e valorizzare le caratteristiche uniche del territorio. La D.O.C. è gestita dal Consorzio Tutela Vini D.O.C. Breganze che ha sede a Breganze. Costituito nel 1982 da cinque produttori vitivinicoli della zona, associa oggi sedici soci vinificatori. Il Consorzio è un’associazione interprofessionale di categoria senza scopo di lucro, per la tutela, la valorizzazione e la cura degli interessi della Denominazione di Origine Controllata Breganze.

 

Consorzio Tutela Vini D.O.C. Breganze

 

 

Il Territorio

Il territorio della zona breganzese va dalla vallata dell’Astico fino alle rive del Brenta, comprendendo anche il territorio bassanese a destra del fiume. Di quest’area, la città di Breganze, che le dà il nome, è quasi il centro geografico, mentre gli altri capisaldi sono a ovest Thiene e ad est Bassano del Grappa.

Quella del “Breganze” è una Denominazione di Origine Controllata che può essere definita piccola se rapportata al complesso del panorama veneto, ma che affonda le sue radici in una tradizione millenaria, testimoniata come pregiata sin dal 1300 grazie ai terreni particolari che esaltano le qualità dei vitigni. Le condizioni ambientali sono fondamentali: le caratteristiche del terreno, di natura vulcanica, e del clima mite ed asciutto sono in grado di esaltare al massimo le doti intrinseche dei vitigni coltivati in questa zona.

La zona di produzione comprende per intero i comuni di Breganze, Fara Vicentino, Molvena. In in parte anche quelli dei comuni di Bassano del Grappa, Lugo di Vicenza, Marostica, Mason Vicentino, Montecchio Precalcino, Pianezze, Salcedo, Sandrigo, Sarcedo e Zugliano.

Ai tempi della Repubblica di Venezia, i grandi viticoltori erano i casati nobiliari. L’aristocrazia dell’entroterra veneto aveva anche in questi luoghi le proprie ville con annesse cantine, spesso di dimensioni notevoli. Perizia e desiderio di innovazione portarono Breganze a costruire tra l’Otto e il Novecento una piattaforma ampelografica capace di preservare le peculiarità del territorio, affiancando a queste i più importanti vitigni francesi (internazionali). Accanto ad uve autoctone come la Vespaiola e la Gruaja, quindi, arrivava il Tocai e successivamente il Cabernet, il Merlot ed i Pinot.

 

Vini D.O.C. Breganze

Colline coltivate di Breganze

 

I vini D.O.C.

Dal punto di vista enologico, la D.O.C. Breganze raggruppa quindici tipologie di vini: Rosso, Merlot, Cabernet, Cabernet Sauvignon, Pinot Nero, Marzemino, Bianco, Tai, Vespaiolo, Vespaiolo Spumante, Pinot Grigio, Pinot Bianco, Chardonnay, Sauvignon, Torcolato. Tra questi il più famoso e rappresentativo è sicuramente il Breganze Torcolato, vino passito che porta il nome di Breganze in tutto il mondo grazie alle sue qualità uniche e irripetibili altrove.

Arriva nel 1969 con il Dpr del 18 luglio la prima Denominazione di Origine Controllata per la provincia di Vicenza alla città di “Breganze”. Sono stati riconosciuti come vini D.O.C. il “Breganze Rosso”, “Breganze Cabernet”, “Breganze Pinot Nero”, “Breganze Bianco”, “Breganze Pinot Bianco” e “Breganze Vespaiolo”.

Il Torcolato

Il vino Torcolato ha resa molto bassa, al massimo litri ogni cento chili d’uva e, una volta messo a fermentare, vede una lenta trasformazione degli zuccheri in alcol, da due a tre mesi, peraltro mai completa, perché si arresta quando il vino è ancora dolce. Il Torcolato è pronto per l’imbottigliamento dopo una maturazione di almeno dodici mesi. Il prodotto, una volta maturo, avrà acquisito un color giallo oro, limpido, con un caratteristico gusto “dolcenon dolce”, ben equilibrato che lascia la bocca asciutta e piacevolmente sazia, con aromi intensi di miele, frutta matura o passa.

Questo vino è una produzione con un grande potenziale di invecchiamento. L’esperienza ha dimostrato che vent’anni non sono assolutamente un problema per questo vino, tanto che ogni terza domenica di gennaio ogni anno Breganze dedica La Prima del Torcolato, la Spremitura Pubblica delle uve passite di Vespaiola, manifestazione che ha raggiunto ormai una notorietà internazionale.

 

Vini D.O.C Breganze

Torcolato D.O.C Breganze

 

 

Manifestazione La Prima del Torcolato di gennaio 2024

 

Il Vespaiolo

Sempre dalla Vespaiola si ottiene l’omonimo vino D.O.C., il Vespaiolo, compagno ideale dei due piatti principi della tradizione culinaria vicentina: l’Asparago di Bassano e il Baccalà alla Vicentina. Il suo nome deriva dalla predilezione delle vespe per le sue bacche mature e zuccherine nei periodi vicini alla vendemmia.

La vespaiola è una varietà a bacca bianca che ha un ciclo vegetativo abbastanza lungo e che matura all’ultima decade di settembre. Ha bisogno di una potatura lunga, poiché i germogli delle prime gemme non sono fertili. Il vino, che presenta una interessante predisposizione all’invecchiamento, ha un colore paglierino con riflessi verdolini in gioventù, un profumo di buona intensità, elegante e non aggressivo, con sentori floreali e fruttati. In bocca presenta una freschezza invidiabile per la presenza di una naturale acidità, che lo rende adatto a piatti impegnativi, anche grassi ed untuosi.

Vespaiolo di Breganze

 

I vini rossi

Il Consorzio ha saputo valorizzare anche le peculiarità dei vitigni autoctoni e confermare la vocazione per le uve a bacca rossa, in particolare Cabernet e Merlot. Per entrambi c’è la possibilità di produrli in purezza, ma anche con il “taglio” bordolese che ha avuto tanto successo fra grandi viticoltori. Merlot e Cabernet sono i due vitigni base di questo vino dal colore rosso intenso, con riflessi granato, indice di invecchiamento e passaggio in legno.

Vini D.O.C Breganze

Cabernet D.O.C Breganze

 

 

Merlot Superiore Breganze premiato al Portugal Wine Trophy nel 2016

 

Le Cantine

Ad oggi sono sedici le cantine che collaborano attivamente con il Consorzio Tutela vini D.O.C. Breganze. Tra queste Ca’ Biasi, Cantina Beato San Bartolomeo, Col Dovigo, Firmino Miotti, Io Mazzuccato, Le colline di Vitacchio, Maculan, Tenute Fosca e Vitacchio Massimo sono nel Comune di Breganze. Cantina Zoe, Vignaioli Contrà Soarda, Vigneto Due Santi, Le vie di Angarano a Bassano del Grappa. A Sarcedo troviamo La Costa. Brave Wine a Marostica. A Fara Vicentino Transit Farm, e Vigneti dell’Astico a Thiene.

La maggior parte di queste cantine sono ormai conosciute a livello nazionale, spiccando per la loro dedizione alla salvaguardia di varietà di viti antiche e non della zone di Breganze. Strettamente legata alla tradizione della terra e ai prodotti di una volta, alcune cantine cercano di portare avanti varietà tipiche esclusivamente della zona che altrimenti sarebbero andate perdute nel tempo. Ne è un esempio solido la Cantina breganzese Firmino Miotti, cui storia e tradizione risalgono alla passione per il proprio mestiere e l’attenzione alla preservazione della biodiversità e delle varietà antiche, le quali aggiungono un valore distintivo al territorio.

 

Strada dei Vini di Breganze

 

 

vini D.O.C. Breganze

Cantina Firmino Miotti a Breganze

 

 

vini D.O.C Breganze

Cantina Beato San Bartolomeo

 

 

Cantina Transit Farm a Fara Vicentino

 

 

Scopri di più su Breganze e il suo territorio cliccando qui!

Contenuti e foto a cura di Consorzio Tutela vini D.O.C. Breganze

 

Altre Curiosità

Apertura InfoPoint di Arsiero

Apertura InfoPoint di Arsiero

L'InfoPoint di Arsiero è un punto di riferimento per il turista e per la promozione del territorio dell'Alto Astico e della Val Posina, a cura del Consorzio Pro Loco Alto Astico e Posina. Situato ad Arsiero in Piazza Francesco Rossi, 8, nell'ala ovest del Palazzo del...

leggi tutto
Anelli delle Anguane

Anelli delle Anguane

Gli Anelli delle Anguane costituiscono una rete di sentieri escursionistici e di vie Ferrate situata a San Pietro Valdastico, nell’Alta Valle dell’Astico. Questa località è dominata da una grande parete strapiombante chiamata Sojo di Mezzogiorno, proprio perché...

leggi tutto
Itinerari a Sarcedo tra colli e ville

Itinerari a Sarcedo tra colli e ville

Tra i comuni soci dell'OGD Pedemontana Veneta e colli scopriamo gli itinerari di Sarcedo, un piccolo comune immerso tra colli, bellezze paesaggistiche e culturali. Vediamo insieme i vari percorsi. Il comune di Sarcedo Il nome Sarcedo deriva probabilmente dal latino...

leggi tutto
0
IL TUO CARRELLO
  • No products in the cart.